7 Benefits of Black Seed Oil

Nigella sativa or Black Seed black caraway, black cumin, nigella, and kaloni is an annual flowering plant in the family Ranunculaceae, native to south and southwest Asia. Nigella sativa grows to 20-30 cm (7.9–11.8 in) tall, with finely divided, linear (but not thread-like) leaves. The flowers are delicate, and usually colored pale blue and white, with five to ten petals. The fruit is a large and inflated capsule composed of three to seven united follicles, each containing numerous seeds which are used as spice, sometimes as a replacement for Black cumin.

ns

The properties of the seeds and oil of black seed (Nigella Sativa)

There are many fields of application of black cumin that it is not surprising that it has been labeled the “cure all maladies, except death”.

Almost unknown, these seeds have been part of our diet for thousands of years, so much so that they are considered “The Blessed Seed” because of its many therapeutic properties. Only recently, however, have been rediscovered by the scientific community for their exceptional capabilities that help the body at 360 degrees.

Nigella Sativa is the official name but these seeds are so widespread in all the cultures that it is called with various names like just black cumin, black seed, black sesame, Roman coriander, kalonji, etc.

Widespread in ancient Egypt, so much so that in the tomb of Pharaoh Tutankhamun were present amphorae filled with black cumin oil, suggesting that they were so important that they had to accompany the pharaoh in new life.

More than 700 studies published on the MEDLINE medical-scientific database confirm that Nigella Sativa contains antioxidant, anti-inflammatory, antiproliferative active compounds that make it effective in killing bacteria, viruses, fungi and regenerating cells in the body.

7 benefits of Black Seed Oil

1) Mutated cells
Croatian scientists have observed that the active ingredients contained in these seeds have been able to decrease the growth of cancerous cells by 52%.
2) Liver
Several studies have shown that black cumin seed oil improves the functionality of this important organ by stimulating the regeneration of liver cells and preventing the disorders associated with it.
3) Type 1& 2 diabetes
There are many studies carried out in this area and all show how the Nigella Sativa is able to stimulate the regeneration of beta cells of the pancreas, lower blood sugar levels and reduce insulin resistance.
4) Heart
An active ingredient contained in these seeds has the ability to protect the cardiovascular system, protect against infarct damage and improve the general health of the heart.
5) Weight loss
The “Journal of Diabetes and Metabolic Disorders” published a study in which, by reviewing the medical literature for plants that have anti-obesity properties, it was discovered that black cumin seed oil is among the most natural remedies effective on the planet.

6) Hair
Black cumin seed oil used both for internal use and for external use applied to hair and scalp strengthens hair roots and stimulates re-growth.
7) Skin
Always used to successfully treat herpes, dermatitis, burns and skin allergies (inflammation, edema, urticaria, eczema and acne), black cumin seed oil penetrates perfectly into the skin regenerating it. It is therefore an essential oil to have at home both to treat skin diseases and as a beauty remedy. It is more concentrated in active ingredients and can be used daily to strengthen your body, eradicate fungi (like Candida), strengthen the immune system and treat all the aforementioned disorders.

Internal use: You only need 1 teaspoon 3 times a day for 2-3 weeks, after which you reduce to a teaspoon 2 times a day. You can increase the dose when you are ill. Children up to twelve should take half the dose recommended for adults and children, half of the doses for children. External use: apply to the affected area 2 to 3 times a day.

Contraindications: Black seed oil (Nigella Sativa) Should NOT be taken during pregnancy.

THIS WEBSITE IS NOT INTENDED FOR THE PURPOSE OF PROVIDING MEDICAL ADVICE. Allinformation, content, and material of this website is for informational purposes only and are not intended to serve as a substitute for the consultation, diagnosis, and/or medical treatment of a qualified physician or healthcare provider

Schisandra Berry

Schisandra berry (Schisandra chinensis) is “wu wei zi” in Chinese, which means “five-flavors fruit”, because this berry has all five flavors (sour, sweet, bitter, pungent, and salty). Each flavor is related to a particular function for a specific organ. Having all five flavors tells us that the schisandra berry is beneficial for the five yin organs: liver, kidneys, heart, lungs, and spleen. Schisandra berry has long been used in the traditional medicines of China and Russia for a wide variety of ailments.

Schisandra berry is an adaptogen, which helps you combat fatigue under physical stress and to increase endurance.
Research on Schisandra berry is unquestionable in the fact that it is a powerful anti-anxiety herb, besides to its ability to elevate ones mood through lowering cortisol levels and enhancing mental endurance and promote overall metabolic efficiency. Its adaptogenic qualities mean that it specifically reduces both mental and physical stress, promoting balance and homeostasis in the entire body.

schiberry

Chinese folklore says that Schisandra can “calm the heart and quiet the spirit”, and has been used since the dawn of Chinese civilisation as a tonic herb remedy. Schisandra Berry has long been known to maintain vitality and support healthy cellular function. In Traditional Chinese Medicine ( TCM) it is used in many longevity formulas.

It positively affects the immune system and can help to protect the arteries from hardening, regulate blood sugar, prevent diabetes and keep the body’s PH levels normal. Its anti-inflammatory properties have also been found to have chemo-protective qualities, meaning it will help to protect healthy tissues from the damaging effects of certain anti-cancer drugs. Schisandra helps keep hormones at an even keel for a calm and gentle energy.
Schisandra normalizes female and male glandular function. It can also be used with astragalus to help control night sweats and menopausal sweating. It is an adaptogen that supports the adrenal function and enhances reflexes, work performance, and mental activity. It helps the body to respond to stress and then recover from it in an effective manner.

Nervous System
Schisandra is a mild central nervous system stimulant yet is also calming. Schisandra helps relieve anxiety, stress-induced asthma, and heart palpitations.

Immune System
Schisandra prevents immune depletion caused by stress. People with acute and chronic stress are more likely to catch colds or the flu and to develop immune deficiencies such as cancer or chronic fatigue syndrome.

Liver Health
Schisandra berry is hepatoprotective, which means that it protects the liver.It regenerates hepatocytes, the cells which make up 80% of the liver mass. It also increases glutathione, an essential liver antioxidant. In animal studies, it has been shown to provide protection against chemical and drug-induced liver damage and promotes healing of existing damage. It is a fantastic liver detoxifier. The liver is largest elimination organ in the body and keeping the liver in tip-top condition plays an important part in how well we age. Schisandra actually works to deactivate free radicals that attack liver cells. extremely high in powerful antioxidants, Schisandra helps to fight against free radical damage, thus lowering inflammatory responses.

Kidney Health
In modern Chinese medicine, schisandra is used to expel excess fluid making it helpful for regulating urinary secretions, or urinary incontinence. This adaptogenic herb has been a kidney tonic in China for centuries. Schisandra is known as a longevity herb, with the ability to increase kidney energy. In traditional Chinese medicine (TCM) shisandra is purported to enhance the Water Qi in the Kidney. It prevents oxidative damage to the kidneys. Kidney energy is also responsible for sexual function and stamina.So the fact that according to traditional Chinese medicine, schisandra is also considered an effective sexual tonic

Skin Health

Schisandra berry is also a natural beauty tonic, protecting the skin from environmental toxins and over-exposure to extreme weather, thus reducing the appearance of fine lines. Its astringent quality helps the skin to retain moisture and builds the immune defense energy that flows beneath the surface of the skin, allowing the pores to open and close, promoting the healing of various skin issues and helps the skin to retain its elasticity and fullness. Packed with antioxidants, including vitamins C and E. Schisandra may also protect against UVB induced skin damage.

schizandra-berries

Constituents
– acids
– lignans (deoxyschizandrin, gomisins, pregomisin, schizandrin)
– phytosterols (beta-sitosterol and stigmasterol)
– vitamins C and E

The content on this blog or website is not intended to be a substitute for professional medical advice, diagnosis, or treatment. Always seek the advice of your physician or other qualified health provider with any questions you may have regarding a medical condition. Mild side effects may include: indigestion and skin rash. Schisandra may promote contractions of the uterine muscles and thus should not be used by pregnant women.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27225351

Serrapeptasi: “gestione dei rifiuti”

Serrapeptasi

Questo sorprendente enzima proviene da Serratia, è un enzima proteolitico [noto anche come proteasi Serratia E-15, serralysin, serrapeptase, serratiapeptase, serratia peptidase, serratio peptidase o serrapeptidase], è un gruppo bio attivo di batteri che vivono all’interno dei bachi da seta. Serratia sono essenziali per la sopravvivenza del baco da seta. Dopo aver creato un bozzolo di seta e aver iniziato a trasformarsi in una falena, rilascia i batteri Serratia dal suo intestino.

La Serratia produce serrapeptasi, un enzima che si dissolve attraverso le proteine. La serrapeptasi dissolve il bozzolo di seta, aprendolo per far emergere la falena di seta.

silkworm-2

Le proprietà di dissoluzione della proteina di Serrapeptasi puo’ essere altrettanto benefico nel corpo umano e anche nei nostri animali domestici che soffrono di dolori reumatici. Questo incredibile enzima è stato utilizzato con successo sugli esseri umani, senza effetti collaterali per 30 anni. È anche un trattamento naturale, effettiva, e non richiede una ricetta medica ed è una frazione del costo dei farmaci “convenzionali” da farmacia, che tra l’altro, hanno tutti effetti collaterali!
Medici in Europa e in Giappone lo hanno prescritto per oltre 3 decenni, mentre negli Stati Uniti è una novità rispetto ad altri integratori alimentari. Le terapie a base di enzimi sono diventate parte integrante della medicina moderna principalmente per la loro selettività ed efficienza quasi immediata. In generale, questo enzima è fondamentalmente una proteina che possiede la tremenda capacità catalitica e offre solide implicazioni nella moderna assistenza sanitaria. L’infiammazione è una risposta fisiologica (risoposta secondaria e risposta immunitaria) contro infezioni, tossine, lesioni, malattie autoimmuni e diverse malattie.

Molte malattie sono psciosomatici ma si esprimono sul corpo e oragni.

Aiuta a trattare tutto dalla testa ai piedi per quanto riguarda il dolore e l’infiammazione e aiuta i nostri interni a liberarsi di tossine e placca.
Puoi prendere Serrapeptasi per aiutare a dissolvere il tessuto cicatriziale, migliorare la risposta immunitaria e diminuire il dolore cronico. Aiuta anche a dissolvere i coaguli di sangue, le cisti nelle ovaie e altre cisti e la placca arteriosa. Può migliorare la salute cardiovascolare abbattendo la placca nelle arterie, chiamata fibrina. Serrapeptasi è in grado di sciogliere la fibrina e altri tessuti morti o danneggiati senza danneggiare il tessuto vivente. Attualmente, l’artrite, la sinusite, la bronchite, la malattia fibrocistica del seno e la sindrome del carpal tunnel (dolore al polso,mano e gomito), ecc. Sono i principali disturbi infiammatori che hanno colpito l’intero mondo.

Per vincere l’infiammazione, sia acuta che cronica. I medici si affidano principalmente a farmaci convenzionali. I farmaci più comuni per combattere l’infiammazione acuta sono i farmaci anti infiammatori non steroidei (FANS) da soli o in combinazione con altri farmaci. Tuttavia, durante l’infiammazione cronica, i FANS sono spesso usati con farmaci steroidei come i disordini autoimmuni. La serrapeptasi viene spesso utilizzata anche in chirurgia orale per il suo scopo anti infiammatorio dopo chirurgia invasiva.

silkworm (1)

Se hai un raffreddore/ bronchite e il naso è otturato, serrapeptasi rende più facile perché rompe le proteine nel muco e rende il muco più sottile ed esce, facendoti guarire più velocemente. Serrapeptasi ha molti vantaggi. Si assottiglia il muco, il che rende bene per pulire i seni nasali quando si ha il raffreddore.
Serrapeptase è anche un forte enzima anti microbico. Indebolisce i biofilm intorno ai batteri resistenti agli antibiotici, che possono renderlo un ottimo modo per sbarazzarsi dei patogeni. (aiuta a combattere e indebolire virus resistenti.)

Serrapetasi è naturale ed efficace. È usato per trattare una varietà di condizioni tra cui:

dolori articolarimal di schiena
tunnel carpal
distorsioni e legamenti lacerati
gonfiore post-operatorio
trombosi venosa (coaguli nelle gambe)
infezioni dell’orecchio, del naso e gola
sinusite
bronchite
asma
aiuta con la fibromialgia

endometriosi

sindrome ovario policistico
infertilita’
fibrosi cistica
tumori fibromi uterini
emicrania
mal di testa da tensione
osteoporosi
aterosclerosi
artrite
seno fibrocistico
ingorgo al seno
colite ulcerosa
ridurre le vene varicose
ingrossamento della prostata
morbo di chrons
alzheimer

Come con qualsiasi integratore o farmaco, dovrebbe essere preso come parte di un piano più ampio per migliorare la vostra salute. Ad esempio, l’assunzione di serrapeptasi per ripulire le arterie di placca e detriti, può essere efficace, ma è necessario considerare anche altri fattori. Se non mangi anche una dieta sana e fai attività fisica regolare, l’assunzione di serrapeptasi di per sé sarà solo di uso limitato.

Why-Carbohydrates-Are-Important-for-Your-Diet-722x406

Come assumere Serrapeptasi?

Serrapeptasi può essere assunto ogni giorno. Ricorda, dovresti prendere Serrapeptasi a stomaco vuoto e solo come raccomandato dalla maggior parte dei medici. Le persone che soffrono di infiammazione cronica o forti dolori, possono essere in grado di assumere dosi più elevate. È preferibile assumere Serrapeptasi un’ora prima di mangiare o due ore dopo aver mangiato. Chiunque può prendere il Serrapeptasi, anche i bambini di età pari o superiore a due anni e gli animali domestici. Serrapeptasi è sicuro, tuttavia, vorrai evitare l’assunzione di serrapeptasi con alcuni farmaci, come i fluidificanti del sangue.

https://amzn.to/2VcjGGz

Le informazioni contenute in questo sito non sono intese o implicite come sostitutive di consulenza medica, diagnosi o trattamento professionale. Tutti i contenuti, inclusi testo, grafica, immagini e informazioni, contenuti o disponibili attraverso questo sito Web sono a solo scopo informativo.

Chanca Piedra

Chanca piedra (Phyllanthus niruri, amarus) è una piccola erba annuale tipica della foresta amazzonica e di altre aree tropicali del mondo, come le Bahamas, l’India del Sud e la Cina.
Non c’è da meravigliarsi che chanca piedra venga usata per molteplici scopi nella medicina popolare: in studi clinici effettuati negli anni, la pianta ha dimostrato attività protettive del fegato, antilitiche (espelle i calcoli), antidolorifiche, ipotensive, antispasmodiche, antivirali, diuretiche, antimutagene e ipoglicemiche. Chanca piedra ha una lunga storia di utilizzo nei sistemi medici erboristici in ogni paese tropicale dove cresce. Per la maggior parte, è impiegata per problemi molto simili. Ci sono tuttavia alcune differenze fra regione e regione. Molteplici sono gli usi tradizionali. Il principale è appunto per i calcoli renali e biliari. Il nome stesso della pianta deriva da questo suo uso effettivo: in spagnolo chanca piedra significa “distruttore di pietra” o “frantumatore della pietra”.

download (1)

Oltre che per i calcoli renali, gli indigeni dell’Amazzonia utilizzano la chanca piedra per coliche, diabete, HIV, malaria, dissenteria, febbre, influenza, tumori, itterizia, vaginiti, gonorrea, sifilide, dispepsia, per alleviare il dolore, espellere il gas intestinale, stimolare e promuovere la digestione, per espellere i vermi e come leggero lassativo. Una delle ultime aree di ricerca riguarda le proprietà antivirali di questa pianta. Diversi studi hanno dimostrato che chanca piedra poteva proteggere il fegato anche durante le epatiti. Il Dott. Blumberg, vincitore del premio Nobel nel 1963 per aver scoperto l’antigene dell’epatite B, sostenne nel 1988 che chanca piedra poteva essere un coadiuvante nel trattamento dell’epatite B. Diversi studi, effettuati da ricercatori indiani e Chase Fox in collaborazione con Blumberg, riportarono effetti positivi non solo contro l’epatite B, ma anche nel trattamento di alcuni retrovirus come quello dell’HIV, del sarcoma e della leucemia. Gli stessi ricercatori poi che hanno documentato l’azione di abbassamento del colesterolo, ne hanno anche verificato l’azione protettiva del fegato. Inoltre, uno studio indiano ed uno britannico, hanno documentato l’efficacia di chanca piedra nel trattamento di bambini affetti da itterizia ed epatite.
Nel 2000, uno studio ha dimostrato l’effetto coadiuvante nella diminuzione dell’incidenza del tumore del fegato. In effetti, potrebbe darsi che la comprovata abilità di chanca piedra di fermare la mutazione cellulare, giochi un ruolo importante in questa azione anticancro.

Azioni principali: Antilitico (previene ed elimina i calcoli renali), epatoprotettivo (protettore del fegato), diuretico, antiepatotossico (disintossica il fegato), antivirale

gf_hierbashigado-32

Proprietà/azioni documentate dalla ricerca scientifica ed usi principali:

per calcoli renali e biliari
per tonificare, bilanciare, rafforzare, e per equilibrare gli enzimi del fegato. disintossicare e proteggere il fegato.

epatoprotettivo (protettivo del fegato), epatotonico (tonifica, equilibra, rafforza il fegato), antiepatotossico (disintossica il fegato)
per virus, inclusi epatite A, B e C, sifilide, herpes e HIV
per tonificare, bilanciare, rafforzare, disintossicare e proteggere i reni, per ridurre l’acido urico e aumentare la diuresi
per l’ipertensione e i livelli di colesterolo elevati
Analgesico (anti-dolorifico), antiulceroso, antibatterico, , antilitico (previene ed elimina i calcoli renali), antimalarico, antimutageno (protettore cellulare), antispasmodico, antivirale, contraccettivo, diuretico, gastrotonico (tonifica, equilibra, rafforza il sistema gastrico), ipocolesterolemico (abbassa il colesterolo), ipoglicemico, ipotensivo (abbassa la pressione arteriosa), rilassante uterino

Altre proprietà/azioni documentate dall’uso tradizionale:

Antinfiammatorio, purificatore del sangue, carminativo, disintossicante, diaforetico (promuove la sudorazione), febbrifugo (riduce la febbre), lassativo, stimolante mestruale, tonico (tonifica, equilibra, rafforza tutte le funzioni corporee), vermifugo (espelle i vermi)


 

Tutte le informazioni, i contenuti e il materiale di questo sito Web sono solo a scopo informativo e non sono intesi a sostituire la consultazione, la diagnosi e / o il trattamento medico di un medico qualificato o di un operatore sanitario.

	

Chanca piedra

Chanca piedra (Phyllanthus niruri, amarus) is a small annual herb typical of the Amazon forest and other tropical areas of the world, such as the Bahamas, South India and China.
It is no wonder that chanca piedra is used for many purposes in folk medicine: in clinical studies carried out over the years, the plant has shown protective activities of the liver, antilithic (expels the calculations), pain relievers, hypotensive, antispasmodic, antiviral, diuretic , antimutagen and hypoglycemic.

download (1)

Chanca piedra has a long history of use in herbal medical systems in every tropical country where it grows. For the most part, it is used for very similar problems. However, there are some differences between the region and the region. There are many traditional uses. The main one is precisely for kidney stones and gallstones. The name of the plant derives from its actual use: in Spanish chanca piedra means “stone destroyer” or “stone crusher”. In addition to kidney stones, the natives of the Amazon use the chanca piedra for colic, diabetes, HIV, malaria, dysentery, fever, flu, tumors, jaundice, vaginitis, gonorrhea, syphilis, dyspepsia, to relieve pain, expel intestinal gas, stimulate and promote digestion, to expel worms and as a mild laxative. One of the last areas of research concerns the antiviral properties of this plant. Several studies have shown that chanca piedra could also protect the liver during hepatitis. Dr. Blumberg, winner of the Nobel Prize in 1963 for discovering the hepatitis B antigen, argued in 1988 that chanca piedra could be an adjunct in the treatment of hepatitis B. Several studies by Indian researchers and Chase Fox in collaboration with Blumberg, reported positive effects not only against hepatitis B, but also in the treatment of certain retroviruses such as HIV, sarcoma and leukemia.

2n61tyyncfafvtpm8rcsjzdgecvmtkz4jpzbsszxjhqan9uds1c3fqe6oxfchhokzds3pned9jkfmtl7jbhbxad1vr6pgaccdab9mjectcpzqrgpacrffrhdzjcuaidb27niwufdvb4j

The same researchers who then documented the cholesterol lowering action also verified the protective action of the liver. In addition, an Indian and a British study have documented the efficacy of chanca piedra in the treatment of children with jaundice and hepatitis.
In 2000, one study demonstrated the adjuvant effect in decreasing the incidence of liver cancer. In fact, the proven ability of chanca piedra to stop cell mutation may play an important role in this anticancer action. Main actions: Antilitic (prevents and eliminates kidney stones), hepatoprotective (liver protector), diuretic, hepatotoxic ( detoxifies the liver), antiviral.

gf_hierbashigado-32

Properties / actions documented by scientific research and main uses:

kidney and bilious stones
tone, balance, strengthen, and to balance liver enzymes, detoxify and protect the liver.
hepatoprotective (liver protective), hepatotonic (tones, balances, strengthens the liver), hepatotoxic (detoxifies the liver)
for viruses, including hepatitis A, B and C, syphilis, herpes and HIV
to tone, balance, strengthen, detoxify and protect the kidneys, to reduce uric acid and increase diuresis
for hypertension and elevated cholesterol levels
Analgesic (anti-pain), anti-ulcerative, antibacterial,, antilithic (prevents and eliminates kidney stones), antimalarial, antimutagen (cell protector), antispasmodic, antiviral, contraceptive, diuretic, gastro tonic (tones, balances, strengthens the gastric system), hypercholesterolemia (lowers cholesterol), hypoglycemic, hypotension (lowers blood pressure), uterine relaxant

Other properties / actions documented by traditional use:

Anti-inflammatory, blood purifier, carminative, detoxifying, diaphoretic (promotes sweating), febrifuge (reduces fever), laxative, menstrual stimulant, tonic (tones, balances, strengthens all bodily functions), dewormer (expels worms)

All information, content, and material of this website is for informational purposes only and are not intended to serve as a substitute for the consultation, diagnosis, and/or medical treatment of a qualified physician or healthcare provider.

The magical rose of Jericho

The Rose of Jericho belongs to the Brassicaceae family and is the only existing species of the genus Anastatica. In other countries, the Rose of Jericho is also known by the name of Fatima, Rose of the desert, the plant of the resurrection.

The Rose of Jericho is a truly magical plant, so much so that it has many stories between myth, mysticism and legend. Its nature is so extraordinary and unique that many still remain amazed by this plant, which is more than ever a true wonder and a gift of nature.
In spite of the name “rose”, in which you refer to the classic red rose, which represents feelings of love, here, we have something completly different.

The rose of Jericho presents itself with a bulb and dry and curled branches, and forms a sort of tumbleweed of dry, brown colored dried grass.

The real particularity that characterizes the Rose of Jericho is, it can be without water for a long time and be transported to different locations. But as soon as the rose comes in contact with some water, the plant magically opens and returns green and to bloom brightly.

If after a few days it does not remain slightly wet, it will reclose, waiting for you to give it some water. A magical plant and for this reason, has created some legends.

From history, the rose of Jericho would originate from the Holy Land. The crusaders and some pilgrims would have imported it.

Here are some legends concerning it …

The rose of Jericho would have the ability to give pilgrimage people a thirst-quenching water that could comfort them on their journey.

There are magical practices that provide it as an element to realize spells or to improve prosperity.
In Europe the rose of Jericho is attributed the power to attract happiness within the home. For some beliefs it represents a symbol of long life, serenity and for its particular characteristic, symbol of resurrection.

Even the Bible gives a passage to the rose of Jericho, saying that as long as Jesus crucified was alive the plant flourished but, at his death dried up and its new bloom occurred when there was his resurrection earning the plant name of the resurrection.

La rosa magica di Gerico

La rosa di Gerico appartiene alla famiglia delle Brassicacee e rappresenta l’unica specie esistente del genere Anastatica. In altri Paesi, ovvero nella traduzione di altre lingue, la rosa di Gerico è conosciuta anche con il nome rosa di Fatima, Rosa del deserto, pianta della resurrezione.

La rosa di Gerico è una pianta davvero magica, talmente tanto da avere tanti racconti tra mito, misticismo e leggenda. La sua natura è talmente straordinaria e singolare, che ancora oggi molti rimangono sbalorditi da questa pianta, che è più che mai una vera meraviglia e un dono della natura.
Nonostante il nome “rosa” riporti alla classica rosa rossa, ricco di sentimenti amorosi, qui abbiamo qualcosa di proprio diverso.

La rosa di Gerico si presenta con un bulbo e rami secchi e accartocciati, e vanno a formare una sorta di riccio di erba secca, di colore marrone.

ce14bb061f19e9fce413914139657572282050605.jpg

La vera particolarità che caratterizza la rosa di Gerico è, può stare senza acqua per molto tempo ed essere trasportata da un altro luogo. Ma non appena la rosa viene a contatto con un po di acqua, magicamente la pianta si apre e torna color verde e a fiorire splendentemente.

Se dopo alcuni giorni non rimane umida, tornera’ a chiudersi, in attesa di un po d’acqua. Una pianta magica e per questo motivo, ha creato alcune leggende.

Dalla storia, la rosa di Gerico sarebbe originaria della Terra Santa. Ad importarla sarebbero stati i crociati e alcuni pellegrini.

c77adb1e8a0516a5cead48a5a4351654611746207.jpg

Ecco alcune leggende che la riguardano…

La rosa di Gerico avrebbe la capacità di donare alle persone in pellegrinaggio acqua dissetante che possa confortarli durante il loro cammino.

Ci sono delle pratiche magiche che la prevedono come elemento per realizzare incantesimi o per migliorare la prosperità.
In Europa alla rosa di Gerico viene attribuito il potere di attirare all’interno delle mura domestiche la felicità.

20181224_162315630494767.jpg

Per alcune credenze rappresenta simbolo di lunga vita, serenità e per la sua particolare caratteristica, simbolo di resurrezione.

Perfino la Bibbia regala un passaggio alla rosa di Gerico, dicendo che fin quando Gesù crocifisso era vivo la pianta fioriva ma, alla sua morte seccò e la sua nuova fioritura avvenne quando ci fu la sua resurrezione guadagnandosi il nome di pianta della risurrezione.

Shilajit- conquistatore di montagne distruttore di debolezza

Lo Shilajit, chiamato anche il pece minerale, è il risultato di un lungo processo di abbattimento della materia vegetale e dei minerali. È una sostanza appiccicosa, nera, simile al catrame che proviene dalle rocce delle alte catene montuose dalle montagne Himalaya in Tibet. Shilajit è un super-alimento ricco di minerali, contenente aminoacidi, vitamine, oligoelementi e oltre 85 minerali in forma ionica naturale. I minerali ionici sono più facilmente trasportati e assorbiti nel tratto digestivo perché sono “caricati” e richiedono meno energia per il loro immediato esaurimento e utilizzo.

Gli acidi fulvici sono anche la fonte più ricca di elettroliti, aiutano a chelare i minerali metallici e li trasmutano in forme biodisponibili, aiutano con il trasporto e l’assorbimento di vitamine e minerali, catalizzano l’attività enzimatica e aiutano drammaticamente a neutralizzare le sostanze radioattive all’interno del corpo e a catalizzare la rottura ed eliminazione di diserbanti e pesticidi.

Il contenuto di minerali in Shilajit si trova principalmente in due costituenti vegetali chiamati acidi umici e fulvici. Questi due ingredienti sono naturalmente presenti nel terreno che non è stato sovraccaricato di sostanze nutritive a causa della sovra-coltura del suolo. I testi antichi si riferiscono allo shilajit come “l’elisir della vita sempreverde“.

Nel tradizionale sistema di medicina indiano, l’Ayurveda, lo Shilajit è considerato un’erba Rasayana (ringiovanimento), nonché un adattogeno o un’erba naturale che aumenta la naturale resistenza del corpo allo stress.

 

shilajit rock

È ancora tradizionalmente usato oggi nella medicina ayurvedica come un potente super cibo ricco di antiossidanti per le sue qualità disintossicanti, rinforzanti e rivitalizzanti. Sebbene non sia tecnicamente una “erba”, è classificata tra le migliori erbe ayurvediche come “rasayana” o tonico anti-stress regolante immunitario. Viene anche chiamato “yoga vahi”, che si riferisce alla sua capacità di migliorare gli effetti delle altre erbe usate con esso nei trattamenti terapeutici (sinergico).

È quindi comunemente preparato con altri tonici come Shatavari, Mucuna, Amla berry, Ashwagandha e molti altri. Conosciamo due traduzioni sanscrite della parola che significa “roccia invincibile” e “conquistatore di montagne e distruttore di debolezza”, entrambe le quali indicano ulteriormente le influenze positive per la salute a lungo termine.

La capacità dell’acido fulvico di trasformare minerali inorganici inutilizzabili in minerali organici utilizzabili è il bellissimo processo alchemico della natura che opera all’interno della matrice di questa meravigliosa e mistica molecola. A causa della sua capacità di disintossicare e ripristinare l’equilibrio elettrochimico, il corpo di una persona è in uno stato migliore da assorbire e utilizzare energia prana / energia cosmica / sorgente. Il corpo fisico diventa una lavagna più pulita e più energica affinché l’energia spirituale fluisca attraverso di noi. Shilajit contiene una media di acido fulvico del 40-60% e può essere un ottimo modo per ricostituire la carenza di minerali.
L’acido fulvico e altri acidi umici contengono una quantità di sostanze nutritive che migliorano la salute dell’intestino, tra cui: tracce di minerali, elettroliti, acidi grassi, silice (che stimola la sintesi del collagene).
È un prebiotico. Un prebiotico è una fibra vegetale specializzata che nutre beneficamente i batteri buoni già nell’intestino crasso o nei due punti. Mentre i probiotici introducono buoni batteri nell’intestino, i prebiotici fungono da fertilizzante per i batteri buoni che sono già presenti. Aiutano i batteri buoni a crescere, migliorando il rapporto tra batteri buoni e cattivi. Questo rapporto ha dimostrato di avere una correlazione diretta con la salute e il benessere generale, dallo stomaco al cervello.

 

Questo sito Web non deve essere utilizzato come sostituto per consigli medici, diagnosi o trattamento di qualsiasi condizione o problema di salute. Gli utenti di questo sito Web non dovrebbero fare affidamento sulle informazioni fornite su questo sito Web per i propri problemi di salute. Qualsiasi domanda riguardante la propria salute dovrebbe essere indirizzata al proprio medico o ad altri operatori sanitari.

 

Artemisia annua

Conosciuta anche come dolce assenzio, annie dolce, dolce sagewort, artemisia annuale o assenzio annuale, è un tipo comune di assenzio originario dell’Asia temperata, ma naturalizzato in molti paesi, comprese le parti sparse del Nord America. L’Artemisia annua è una piccola pianta erbacea che è sempre stata ampiamente utilizzata per le sue proprietà antimicrobiche, antimalariche e antiossidanti e che, negli ultimi anni, si è rivelata molto utile come coadiuvante nelle terapie antitumorali. Sarebbe in grado di distruggere il 98% delle cellule tumorali in pochissime ore.

L’elemento costitutivo Thujone in questo integratore a base di erbe è stato studiato come antiossidante. L’estratto di artemisinina dall’erba ha anche proprietà restitutive per le condizioni febbrili e viene utilizzato per rafforzare il supporto del sistema immunitario. L’Artemisia annua viene anche utilizzata nella medicina tradizionale cinese e nella medicina occidentale per i disturbi del sistema riproduttivo.

È stata ribattezzata “erba magica” per il suo presunto “potere”. Per sostenere l’efficacia dei trattamenti basati su questa erba della medicina tradizionale cinese, sono principalmente alcuni medici dell’Università della California che, hanno condotto studi che “dimostrano che l’artemisina ferma il fattore di trascrizione E2F1” e interviene nella distruzione delle cellule tumorali polmonari , il che significa che controlla la crescita e la riproduzione delle cellule tumorali.

La composizione fitochimica di Artemisia annua è stata rivista in modo dettagliato da Bhakuni et al. I composti più rilevanti sono i sesquiterpenoidi (ad esempio l’artemisinina), i triterpenoidi, i flavonoidi (flavonoidi polimetossilati), i cromosomi1 e i componenti dell’olio essenziale.

Per cosa viene utilizzata l’Artemisinina?
Trattamento per il cancro al seno e polmoni
Febbre
Mal di testa
infezioni
Perdita di appetito
Infertilità
Infiammazione
Malaria

291c16d1baf30646498a59f52ac5d8751919731939.jpg

Gli studi suggeriscono che l’Artemisinina induce l’apoptosi e l’arresto del ciclo cellulare dei promastigoti Leishmani donovani. Ha effetti antiproliferativi sulle cellule di carcinoma midollare della tiroide e induce l’apoptosi in cellule di cancro ai polmoni. In un altro studio, ha inibito significativamente la crescita e la proliferazione cellulare.

https://www.scribd.com/document/293158169/ARTEMISIA-ANNUA-studi-e-posologia-pdf

Le informazioni qui presentate sono solo a scopo informativo, di riferimento e educativo e non devono essere interpretate come un sostituto per la diagnosi e il trattamento da parte di un operatore sanitario. Anche se le informazioni qui presentate si basano su materiale fornito da ricercatori e fonti ritenute affidabili, non presumiamo di fornire consulenza medica.

Il potere della Sinergia

In natura gli elementi interagiscono costantemente tra loro creando un flusso di energia tra di loro. Ci sono i singoli elementi e poi ci sono le combinazioni sostenibili, che quando agiscono insieme piuttosto che individualmente portano maggiore potenza, energia ed efficacia. Il design delle formulazioni di erbe sinergiche segue il principio di compatibilità, che richiede le considerazioni di diverse interrelazioni di ingredienti vegetali tra cui il “sinergismo”. È importante non confondere l’effetto sinergico con l’effetto additivo.

La sinergia si verifica quando due o più erbe vengono combinate per produrre un effetto totale che è più potente della somma delle singole erbe, mentre un effetto additivo è un aumento di effetti individuali in cui ogni singola erba non influenza l’altra.
La “droga sintetica, un obiettivo, un approccio alla malattia”, è rimasta per qualche tempo l’approccio convenzionale allo sviluppo di farmaci e strategie terapeutiche. Tuttavia, negli ultimi 2 decenni, questo modello di trattamento farmacologico sintetico è gradualmente diminuito e si è spostato verso l’adozione di terapie naturali a base di erbe, in cui sono combinati più componenti attivi. Progressi sostanziali sono stati compiuti negli ultimi decenni nello studio dell’efficacia e delle modalità di azione di alcune formulazioni di erbe e piante comuni e non così comuni usate e di combinazioni sinergiche.

 

Questo è il motivo per cui abbiamo la nostra preferenza di combinazione sinergica che amiamo e crediamo veramente. Perché attiva la straordinaria capacità del corpo di guarire se stesso.
Sosteniamo questa combinazione di questi tre prodotti naturali, (bacca di Blushwood, Aloe arborescens e tè Essiac) perché insieme potrebbero fornire maggiori benefici terapeutici ed efficacia. Questo trio potente e naturale, migliora il sistema immunitario del corpo. È un metodo di disintossicazione che affronta la tossicità e la carenza nutrizionale che di solito sono le cause della maggior parte delle malattie degenerative.

Il potere della sinergia

La sinergia di Aloe arborescens è ricca di fitonutrienti, enzimi e amminoacidi (monosaccaridi e polisaccaridi) essenziali per il nostro corpo, che nutrono il nostro corpo quando è debole e deficiente, senza dover letteralmente digerirlo, grazie alla sua forma bioavabile, può essere assimilato molto più velocemente. Il protocollo Aloe Arborescens per il cancro esiste da molti anni e si è dimostrato efficace nei pazienti con cancro avanzato. È progettato per potenziare il sistema immunitario e disintossicare rapidamente il corpo. I due principali benefici dell’aloe arborescens sono la stimolazione immunitaria e una pulizia del sangue o disintossicazione, effetto. Elimina in sicurezza le cellule tumorali e inonda il corpo di super-nutrienti, mentre disintossica e riplora il corpo. L’aloe arborescens è un cugino della più nota pianta di aloe vera. I due contengono molti degli stessi composti benefici, tuttavia, l’aloe arborescens è 200 volte più alta in potenza e valore terapeutico.

fb_img_15247783824151448241606.jpg
aloe arborescens

 

 

Il tè Essiac è un tè medicinale che è una combinazione di 4 erbe che combattono i tumori. È un ottimo modo per disintossicare il corpo, mentre lo nutre. Questa combinazione di queste erbe ha dimostrato di essere di grande aiuto.

Il tè Essiac è una formula nativa americana tradizionale che è stata riscoperta dall’infermiera del cancro Rene Caisse del Canada e questo trattamento del cancro naturale è stato perfezionato attraverso anni di studi clinici con il suo partner di lunga data, il dott. Charles Brusch, medico personale del presidente John F. Kennedy. Si dice che il tè Essiac consenta al corpo di rimuovere efficacemente le tossine e i rifiuti, consentendo il rinnovamento cellulare e la salute rivitalizzata.

 

 

Hylandia dockdrillii, comunemente noto come bacca di Blushwood, che gli scienziati hanno identificato il composto EBC-46 nel frutto dell’arbusto che sembra esibire attività anti-proliferative e mostra l’apoptosi, che è una forma controllata di demolizione cellulare o morte cellulare programmata. EBC-46 è un regolatore della proteina chinasi C che provoca una reazione infiammatoria locale che recluta i neutrofili del corpo (globuli bianchi) per attaccare il tumore. Avvia l’apoptosi delle cellule tumorali.

cymera_20181113_202311475097835.jpg
Bacco di Blushwood

 

Mentre il trattamento di malattie degenerative con combinazioni di erbe è benefico, la nostra dieta quotidiana è fondamentale. Un’abbondante quantità di succo di frutta e verdura fresca, cruda, biologica dovrebbe essere consumata ogni giorno. In questo modo, il corpo è dotato di una super dose di enzimi, minerali e sostanze nutritive.

 

Per almeno 2 mesi devono essere evitati i seguenti alimenti:

  • grassi animali e carne rossa
  • prodotti animali
  • latticini
  • eccesso di proteine
  • sale da tavola
  • zucchero
  • cibo trattato
  • alcool
  • cigarette

Questo cambio di paradigma nei trattamenti olistici è stato in parte guidato dalla sua efficacia nella lotta contro le malattie croniche e nell’eliminazione degli effetti collaterali post chemio o radiazioni. Recenti prove hanno dimostrato che la terapia a base di erbe sinergiche potrebbe fornire maggiori benefici terapeutici e terapeutici a malattie come cancro, aids, aterosclerosi e diabete, che possiedono un’eziologia e una fisiopatologia complesse e quindi sono difficili da trattare con un approccio sintetico a singolo farmaco e il lato effetti delle terapie sintetiche.

“Synergy”, è un potere che puoi sentire lavorando.
“Quando si combinano erbe diverse, il risultato può essere molto più potente (e talvolta diverso) di qualsiasi erba scelta singolarmente o separatamente. Una formula ben costruita sarà quindi armonizzata in modo che il tuo corpo non risponda negativamente alle singole erbe, ma sia invece in grado di accettare pienamente le azioni desiderate. “(Sean Russel)

Questo sito Web non deve essere utilizzato come sostituto per consigli medici, diagnosi o trattamento di qualsiasi condizione o problema di salute. Gli utenti di questo sito Web non dovrebbero fare affidamento sulle informazioni fornite su questo sito Web per i propri problemi di salute. Qualsiasi domanda riguardante la propria salute dovrebbe essere indirizzata al proprio medico o ad altri operatori sanitari.